I miti sull’America proposti nei telefilm

friends

Prima di partire per gli USA, l’idea che mi ero fatta di questo paese era basata esclusivamente su quello che avevo visto nei telefilm, che mi avevano sempre suscitato curiosità ed interesse. Per me l’America era: cheerleaders, hot dogs, baseball, balli di fine anno e case a due piani, e sono partita con la voglia di scoprire quanto di questo fosse vero, e quanto fosse finzione. Durante l’anno trascorso a Los Angeles, ho avuto modo di verificare cosa fosse realtà e cosa fosse “bullshit” (stronzate) e ho avuto modo di ridimensione la mia visione di un paese così controverso. Premetto che quello che mi accingo a scrivere si basa esclusivamente sulla mia esperienza personale e che gli Stati Uniti sono un paese molto diversificato, per cui esistono enormi differenze tra stato a stato, e sopratutto tra le grandi città e i posti per così dire “rurali”, dove la mentalità è molto diversa. Io vi racconto ciò che ho vissuto a Los Angeles e dei miti che mi si sono smontati, lasciandomi un pò perplessa e un pò cinica quando riguardo certe serie TV.

Sono cresciuta guardando serie come Beverly Hills e Dawson’s Creek, incentrati sul tema dell’amicizia e sull’importanza che questo tipo di legami ha nella vita, per cui la cosa che mi ha più sconcertato dell’America, è stato scoprire che tutto ciò è solo fiction. L’amicizia come la intendiamo noi, è una cosa davvero rara in una società molto competitiva ed individualista come quella americana, che si basa principalmente sul raggiungimento della realizzazione professionale. Non c’è quel senso “dello stare in compagnia” che abbiamo noi in Italia, e se è vero che incontrare gente è facilissimo perché gli americani sono molto espansivi, dall’altro lato è difficile che queste conoscenze si trasformino in amicizie vere e proprie. Ho conosciuto alcuni americani che trasferiti da diversi mesi a Los Angeles, mi hanno confidato di non avere nessun amico, e  quando stupita chiedevo come fosse possibile, la risposta era: “perché non ho tempo di fare amicizie, devo lavorare…”.

one three hill

Un’altro aspetto che mi ha sempre colpito è l’enfasi che viene data al raggiungimento dei propri sogni, il cosiddetto “American Dream”. Ci mostrano giovani che dopo la laurea diventano star del basket, scrittori famosi, designer di successo, ma tutto questo è davvero possibile? Ebbene si, è possibile e certamente è più probabile che cose del genere accadano in America che in Italia, ma proprio tutti raggiungono questo successo? Ebbene no, non tutti ce la fanno anche se in molti ci provano. Spesso però questo successo fa si che altre cose, come gli amici, l’amore e la famiglia vengano messi in secondo piano. E’ probabile che qualcuno prediliga l’amore alla carriera? Secondo me no, e questo mi ricorda le scene di varie serie e film, in cui delle coppie si separano perché a uno dei due è stato offerto un lavoro in un’altra città (oppure anche semplicemente il padre di Peyton che lascia la figlia 16enne a casa da sola, per lavorare in mare…ma cambiare lavoro no?).

sex and the city, amo viaggiare,stati uniti

E’ possibile vedere donne ultra quarantenni, (più o meno) attraenti e di successo, battagliare per anni ed anni per trovarsi un fidanzato (manco stessero cercando il petrolio) e trombarsi mezza New York prima di riuscirci? Ebbene si, ci hanno fatto pure una serie TV e vi assicuro che gli squilibrati che incontra Carrie non sono personaggi totalmente inventati, io stessa ne incontrati alcuni…Forse la ragione per cui il pubblico adora questo tipo di serie è che portano romance in una realtà come quella americana che è molto materialista e dove di romantico c’è davvero poco. Io stessa ho frequentato diversi ragazzi del posto, e devo dire che a differenza degli italiani che tendono ad affezzionarsi, gli americani sono meno romantici, per così dire…;)

shameless

Paradossalmente la serie Tv più assurda e shocking è anche quella che mi sembra più veritiera, e che va anche MOLTO controcorrente mostrando degli aspetti di una società che nessun’altro show ha mai fatti prima, raccontando le vicissitudini di una famiglia, che potrebbe sembrare atipica ma in realtà non lo è poi così tanto…Il vedere cosa sono disposti a fare i ragazzi di Shameless per campare la dice davvero lunga su quanto quella degli USA, più di ogni altro paese al mondo, sia una società tosta dove il denaro è davvero tutto. Niente stronzate sull’amicizia, l’amore, l’American Dream, questo show mostra chiaramente l’altra faccia della medaglia, in maniera cruda certo, e a volte anche esasperata (si tratta pur sempre di uno show televisivo), ma che indubbiamente è molto più veritiera di quella proposta da tante altre serie TV.

 

I miti sull’America proposti nei telefilmultima modifica: 2013-07-13T23:18:00+00:00da pecicciacoccali
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “I miti sull’America proposti nei telefilm

Lascia un commento